Google+ Followers

mercoledì 27 maggio 2015

ALLATTAMENTO: AL SENO O ARTIFICIALE?

Che noia, che barba, che barba, che noia….(avrebbe detto la Mondaini)!!!!



Ed è anche quello che un po’ dico io.

Non che sia veramente noioso l’uno o l’altro, ma è il quanto se ne parla che mi sfinisce!!! Io dopo il terzo( ma uguale anche dopo la prima o la seconda) volevo tapparmi le orecchie e urlare “BASTAAAA….ABBIAMO CAPITO!!!!!” Quale mamma ormai non è a conoscenza di quanto sia importante l’allattamento  al seno? NESSUNA!!! Lo sanno tutte le mamme che sono  state, che sono e che saranno. Ormai l’incoraggiamento all’allattamento al seno lo troviamo scritto, fotografato, detto ovunque: negli ospedali, nelle USL, ai consultori, nelle farmacie, nei negozi per l’infanzia, nelle riviste, sulle scatole dei ciucci, biberon, pappe per bambini e latte artificiale e ripetuto fino all’esaurimento da ostetriche, ginecologi, medici, infermieri e oss(ebbene si anche loro!) del grande reparto “maternità” dell’ospedale!!!Insomma, siamo bombardate e ormai non ci si prova neanche più a formulare un pensiero spontaneo che vada contro l’allattamento naturale, a meno che tu non voglia essere dalla parte sbagliata….

Ma io qualcosina la vorrei dire lo stesso….Sono d’accordo  che il latte materno sia il migliore, il D.O.C. del lattante: è sempre pronto, alla temperatura giusta, lo porti sempre con te, si trasforma qualitativamente di pari passo alla crescita del bambino, dona anticorpi, lo protegge dalle prime influenze (che eventuali fratelli maggiori portano a casa)…Per non tralasciare il fatto che è una forma di comunicazione importante tra madre e figlio, consolida il loro rapporto e dona al bambino la sicurezza.

                                                                      MA


A  tutte quelle mamme che per qualche malattia, disturbo, mancanza di latte, al grandissimo gruppo di mamme lavoratrici, che per obbligo o per scelta danno il latte artificiale ai loro bambini, a tutte loro dico :   GODETE DELL’INVENZIONE DEL LATTE ARTIFICIALE E SIATE FELICI NEL DARGLIELO!!!!

Possiamo magari avere un occhio di riguardo per la scelta del medesimo, preferiamolo bio, proveniente da agricoltura controllata, biodinamico…prendete quello migliore per voi e poi l’importante è darglielo senza sensi di colpa, dovete essere convinte…e tutto andrà bene.Il bambino si nutrirà, crescerà normale, non si gonfierà come una mongolfiera, avrà lo stesso quoziente intellettivo, lo stesso numero di anticorpi, diventerà alto come deve diventare  e soprattutto non sarà la causa delle sue eventuali/probabili/rare patologie future!!!!!

Io di tre figli, le prime due le ho allattate al seno per 10 mesi, l’ultimo solo 1 mese e ½ , dopo ho dovuto iniziare la terapia per Arty e goodbye allattamento…non ho avuto scelta, dovevo, ma non per questo ne ho fatto un dramma. Mi sono informata sui biologici e ho fatto la mia scelta…con il tempo poi ho scoperto tanti vantaggi di questo allattamento: primo fra tutti è che lo puoi mollare a chi ti pare…( no tetta, no koala) ,ti salti i tre mesi delle stra maledette coliche ( e questa scoperta è stata una vera figata!!!), i pargoli dormono tutta la notte perché si scolano tutto un biberon e si sentono veramente sazi ( quindi bye bye tette svuotate alla sera e bimbi insoddisfatti), la popò si cremifica sicchè addio anche agli squaqueroni acidi, e le mamme si possono finalmente mangiare : legumi, cavoli, latticini, caffè, gelati, birre, dolci, pomodori, senza far venire ulcere stomacose ai propri figli…..e finalmente smettere di bere come cammelli centrifugati di verdura e frutta e orribili tisane per la stimolazione del latte!!!!!


Insomma ho cercato di vedere il famoso bicchiere mezzo pieno!!!Però non mi scorderò più le facce delle mamme che aspettavano con me, il loro turno dalla pediatra. Appena ho tirato fuori dallo zaino il latte artificiale per prepararlo a J3, mi avrebbero bruciata viva lì, nel bel mezzo della sala d’aspetto!!! Non sto esagerando….sembrava non avessero mai visto un biberon con latte dentro….facce da “ma cosa sta facendo quella pazza”, “ qualcuno la può fermare per favore?”, “ non vorrà mica darglielo sul serio” e …di rimando alcune cominciano ad allattare al seno i loro figli, mentre commentano insieme alle altre quanto sia comodo, bello e importante allattare. Mi sono sentita uno schifo perché ero ancora agli inizi e non avevo dalla mia ancora tutta la convinzione di quello che stavo facendo. Però è assurdo che ci si senta giudicate in questo modo, senza neanche poter spiegare le proprie ragioni, giuste o sbagliate che siano, perché voglio credere che ancora viviamo in un paese in cui esiste il libero arbitrio.




martedì 19 maggio 2015

TORTE!!!

Ciao a tutte…dato che un po’ di persone mi hanno chiesto le ricette dei miei dolci ho deciso di postarle qui…! Ma vi devo avvertire che il cheesecake è fatto in base alla ricetta nordica di casa oltralpe di Vic…!
Io non mi reputo una brava cuoca, essendo parecchio svampita, in cucina sono davvero capace di combinare dei disastri apocalittici…ma cucinare dolci mi diverte parecchio, così si scopre che è la cosa che mi riesce meglio e quando, con i nostri amici si organizza qualche cena la frase “ al dolce pensi te…” è sempre la mia…e io sono super contenta cosi! I dolci sono affini alla mia anima / l’ordine nel prepararli no!

                                          la mia cucina in tempi di compleanni!!!!

TIRAMISU’: 8 cucchiai di zucchero(bianco o di canna), 5 tuorli, 1chiara a neve, 1 mascarpone da 500gr, una scatola di pavesini, cacao amaro in polvere, cioccolato fondente in blocco(da tagliare a listarelle con un coltello), caffè o orzo.

Metti i tuorli, aggiungi lo zucchero, mescola, aggiungi il mascarpone, che avrai tirato fuori dal frigo un po prima cosicchè è morbido, mescoli fino a quando avrai una crema liscia e abbastanza liquida. Poi monti la chiara a neve e la  aggiungi al composto con un mestolo di legno dal basso verso l’alto.
Poi cominci a fare gli strati: inzuppare ogni pavesino nell’orzo (x un compleanno di bambini lo consiglio!) e disporli uno  accanto all’altro ricoprendo il  fondo della teglia, poi versare sopra un po di crema fino a ricoprire tutti i pavesini, spolverizzare di cacao amaro in polvere(vedendo di ricoprire tutta la crema) e mettere scaglie del cioccolato fondente e ricominciare con un altro strato. Io consiglio di fare 3 strati totali, l’ultimo finisce con la spolverata di cacao in polvere e di farlo 24 ora prima della festa perché prende un sapore più buono. Mantenerlo in frigorifero!

CHEESECAKE(nordico): 750gr quark (si compra alla LIDL), una busta di budino istantaneo alla vaniglia,2 uova, 60 gr di zucchero,1 cucchiaino di zucchero a velo vanigliato, ½ limine( buccia+ succo), amarene o ciliegie sciroppate.
Sbattere per 10 min. il tuorlo dell’uovo con lo zucchero vanigliato, aggiungi il quark (precedentemente frullato con il minipimer) e il preparato per budino, il limone sia la buccia che il succo. Monta a neve la chiara delle uova e uniscila delicatamente al composto con un mestolo. Versare l’impasto (liquido) in una teglia da forno e metterci dentro le ciliegie(che facciamo affondare!!). Metti in forno a 160 C° per 1 ora (comunque fino a quando non assume un colorito marroncino).Prima di toglierla dal forno, fai raffreddare con lo sportello del forno aperto.

TORTA(buonissimissimissima) CIOCCOLATOSA: In un primo piccolo recipiente mescola: 75 gr di cacao amaro in polvere,675 ml di acqua calda.

In un altro secondo recipiente mescola: 600gr di farina bianca, 400 gr di zucchero di canna grezzo,1 cucchiaio di bicarbonato setacciato,1 e ½ cucchiaio di cannella in polvere, sale q.b.

In un terzo recipiente più grande mescola: 225 ml olio di girasole bio, 3 cucchiai di aceto di mele, essenza alla vaniglia.

Unisci gli ingredienti del primo recipiente con quelli del terzo e amalgama, poi aggiungi gli ingredienti secchi del  secondo recipiente e mescoli lentamente fino a quando è tutto ben amalgamato. Versa il composto in uno stampo di 25 cm di diametro imburrato e infarinato, Cuoci tutto a 180 C° per 45/50  minuti

TORTA DI MALEFICENT: pan di spagna: o lo comprate ( ma non quello della coop che viene via in pezzi) o lo fate così: 4 uova, 1e1/2hg di farina, 1 e 1/2hg di zucchero, un cucchiaino di bicarbonato o una bustina di lievito e si inforna a 180 C° per 40 minuti!

Crema chantilly:  dovete preparare una crema pasticcera e aggiungerci la panna fresca montata(tenuta almeno 2 ore in frigo così sarà bella densa) con zucchero e un pezzetto di baccello di vaniglia, sempre mescolandola dal basso verso l’alto con mestolo di legno.

Crema Pasticcera: ½ l di latte, 3 tuorli,1 uovo intero, 4 cucchiai di zucchero, la buccia grattata di un limone non trattato, 2 cucchiai colmi di farina. Sbattere le uova con la farina e lo zucchero e mettere tutto nel latte, precedentemente riscaldato e mettere tutto sul fuoco, mescolare fino a quando non si addensa, stando attente che non bolle!

 Fragole: lavarle, farle a pezzetti e condire con zucchero e limone a piacere.

Consiglio di aggiungere la panna una volta che la crema si è freddata. Poi farcire la torta: mettere il primo strato di pan di spagna, bagnarlo con il succo di fragola, mettere i pezzetti di fragole e crema chantilly sopra, poi pan di spagna, succo, fragole, crema e l’ultimo disco di pan di spagna a coprire il tutto…. E ricoprire con la panna. Io poi ho messo l’immagine di Maleficent e ho fatto i rovi con la pasta di zucchero di cui troverete milioni di tutorial su you tube!!!! Personalmente uso panna vegetale, la trovo molto meno pesante di quella al latte e ha la stessa tenuta…

Non mi resta che augurarvi “BUONA CUCINA A TUTTE!!!!” fatemi sapere come è andata….


domenica 17 maggio 2015

COMPLEANNO MOSTRA E2

Ed eccoci al secondo evento importante per questa prima metà di maggio: il Compleanno della mostra E2!
Cosa significa festeggiare il compleanno di una figlia settenne, con una sorella ottenne, che ha delle amiche diecenni???Un dramma preadolescenziale da capelli dritti!!!!!

Scordatevi truccabimbi, giochi organizzati, cacce al tesoro e ruba fazzoletti vari….niente di niente, sono  stata minacciata di essere bandita dal compleanno se azzardavo anche solo una di queste cose!!!

“va bene ma allora che si fa per tutto il pomeriggio??? Sono tante ore da passare!”
“non ti preoccupare, alle nostre amiche ci pensiamo noi mamma, te pensa solo a quelli piccoli...a  quelli di sei anni…”
“….”, “…si ma, te ne fai sette, mica venticinque…sono piccoli come te!”
“mamma! Non sono come meeee…, IO sono molto più alta di loro!”

Azzittita così, da una settenne che è veramente alta come una bambina di 10 anni….e come dargli torto…i suoi compagni di classe sembrano bambini dell’asilo a confronto, la precisa metà, sia in altezza che in larghezza…!
Sicchè non mi resta che cucinare…un tiramisù, un cheesecake, una torta al cioccolato super buona e la torta delle candeline, con tanto di pan di spagna, crema chantilly, fragole e decorata con l’immagine di Maleficent (conoscete Maleficent vero?? Perché io mi sono vista quel film almeno 30 volte, con le mie mostriciattole, e potrei recitarvi l’intero copione a memoria!!!).
 Poi sono passata alla parte salata: pizza margherita fatta in casa a go-go, panini vegetariani e non, fave con il formaggio, una bella macedonia e le solite patatine!! Da bere tanti succhi e qualche birra per gli adulti!!! Poi la parte più divertente per me….addobbare tutta la piazza! Noi il compleanno di E2 si fa sempre nella piazza del paese…si trasforma in una specie di piccola sagra…chiunque passa si ferma, mangia, chiacchera e se ne va….a me piace tutto questo andare e venire…!
Inizio a mettere palloncini ovunque, bandierine da sagra, quelle a triangoli colorati, striscioni di buon compleanno, quelli fatti di carta colorata…mi piace vedere tanti colori …anche solo quelli fanno già festa!!

Insomma mi sbatto parecchio. Mi sono alzata alle 6 della mattina per iniziare a cucinare,tutti ancora dormono e per almeno 3 ore sono da sola e in pace…poi inizia ad alzarsi tutta la ciurma e iniziano a volare  biberon, latte e biscotti, caffè e panini al burro, apparecchia-sparecchi-spazza! Il topo per terra a gattonare, le mostre da docciare, A1 che vuole i boccoli, E2 che vuole lo smalto…io che metto su l’impasto per la pizza, poi farcisco una torta, poi scacco il topo e lo riaddormento per il pisolo, addobbo il paese, finisco i dolci, farcisco i panini, preparo il pranzo, do i vestiti alle mostre, pappo J3……poi sto per crettare in terra….Mi chiedo sempre dove diavolo è Vic in questi momenti….


Facciamo un gioco….secondo voi dov’è??


Ma si…è a decespugliare il giardino! Potare i rovi, piantare piantine…….

AAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHRRRRRRRRRRRRRRRRRRGGGGGGGGGGGHHHHHHHHHHHH….!

MA CHE MINCHIA FAAAAAI???

Amore, ma il giardino è una giungla!

Brutto deficiente, è una giungla da 3 settimane!!!!!! proprio oggi che c’è il compleanno di tua figlia (e che per giunta non ci serve il giardino perché lo festeggiamo in piazza), devi pensare a sistemarlo???? Io non ho parole…..

Ok ora ti aiuto….

L’ora di Vic è = a due ore dopo….ore 16.00, inizio festa: Vic porta due scodelle di patatine al tavolo!

Ore 17.30: Vic porta il cestino con le fave in tavola!

Resto del tempo: Vic parla, mangia e beve….a volte ha J3 casualmente in braccio…..

“ Vic, dai, almeno le foto….fai le foto!!!!”

“….pure!ho tagliato l’erba fin’ora e sono veramente tritato!

Santa Pazienza delle mamme e delle mogli….ce ne abbiamo veramente  tanta e molto self-control aggiungerei, perché mi vorticano le palle da morire e sono ancora capace di ridere, parlare, servire torte e controllare tutto ….. !

Alla sera sono davvero ko, ho chiuso Vic in casa con tutti e tre i bambini da mettere a letto….spazzo via le  ultime briciole di cibo dalla piazza, ops…3 palloncini sono troppo alti, non ce la faccio a staccarli, chiederò a Vic di farlo domani…!Tolgo i festoni, ritiro i tavoli e le sedie, butto la spazzatura….
Il compleanno è andato benissimo, E2 e A1 sono super contente, J3 ha fatto il super bravo….Questa è la mia felicità più grande….


P.S.Ragazze, sono passati 8 giorni dal compleanno…..e quei 3 palloncini, svolazzano ancora…..in piazza!











martedì 12 maggio 2015

CANTAR MAGGIO!

Ciao a tutti! 
Ovvia, questa settimana mi sdò…e scrivo due post perché sono successe due cose belle che voglio condividere con voi. La prima , in ordine cronologico, è il Cantamaggio, la seconda il compleanno della mostra E2!!! Ma appunto…qui si parlerà del cantamaggio!
 Il cantamaggio (da Cantar Maggio o calendimaggio) è una festa per dare il bentornato alla primavera, un vero inno all’allegria, che ispira la bella stagione, ai fiori che sbocciano e all’amore. Ogni parte d’Italia ha la sua tradizione: chi fa i carri, chi addobba la città, chi sfila, ma comunque sono tutte accomunate da un’unica cosa: cantare! Si cantano stornelli, filastrocche, canzonette popolari, con le diverse inflessioni dialettali, accompagnati da musica popolare, come flauti, tamburelli, tromboni, pianole a fiato, fisarmonica…
Qui nella nostra Vallesanta l’onore dei festeggiamenti è tutto riservato ai bambini che la mattina del cantamaggio, raccolgono i fiori  più colorati per riempire i cestini, scelgono i vestiti più primaverili, mettono cappelli di paglia con sopra nastrini, fiocchi o fiorellini, fanno le ultime prove delle canzoni e pazientemente aspettano il pulmino della scuola che raccoglie tutti i bimbi della valle che poi, insieme alle maestre e alla nostra banda, composta da genitori vari, vanno a cantar stornelli di Maggio in tutte le piazze dei paesi della valle!!
E’ una festa di colori, voci bianche, fiori e musica.
Lungo il  tragitto, gli abitanti dei paesi offrono merende e dolcetti a tutti i bambini e del buon vino alla banda di suonatori. Il nostro paesino è l’ultima tappa del tragitto e quando i bambini arrivano si portano dietro tutta la gente che mano a mano si è aggregata al gruppo iniziale. A questo punto non cantano più solo i bambini ma tutte le persone presenti, contagiati da una strana euforia!!
Alla fine dell’esibizione mangiamo quello che ognuno ha portato, ci sono fave, pane, formaggio, vino, ricotta, torte…e dall’aperitivo alla cena il passo è breve!
 Quando il cielo comincia ad essere scuro siamo ancora tutti lì. Qualche strumento suona ancora note in libertà, qualcuno accenna timidamente le parole confuse di qualche stornello, i bambini corrono in piazza, qualche flash scatta ancora, tanti ridono, parlano, raccontano…Se ti fermi abbastanza tempo c’è caso che si ricominci a suonare, cantare e forse anche ballare…
Quando torniamo a casa è ormai notte, le mostre dormono e il topo collassa velocemente sotto l’azione stordente di 250 ml di latte, queste giornate sono lunghe, piene di emozioni e molto stancanti e non ci vuole molto a cadere  tra le braccia di Morfeo.
Io vado in giardino con Vic, con un bicchiere di vino in mano, ci sediamo vicini, felici e in silenzio a godere di un attimo di pace, le stelle brillano in alto nel cielo, l’arietta è tiepida e gradevole, c’è un silenzio pieno di rumori della notte, le strade sono ormai deserte, qualche gatto passa furtivo e si sente il bramito del cervo in lontananza… 

Penso che a volte è questa la felicità…

mercoledì 6 maggio 2015

PREMIO LIEBSTER AWARDS 4.0

Ciao a tutti, scrivo questo post esclusivamente per il premio che ho ricevuto dalla mia amica Ellie di Cicognati6persa , è il mio primo premio sicchè spero di fare tutti i passi che devo fare!!!!
Quindi, “grazie Ellie per avermi, ancora una volta, dato luce, sono felice che il mio blog ti piaccia…e sei l’unica per ora che commenta i miei post, quindi ti voglio molto bene ANCHE per questo!!!!!Ti mando  un abbraccio grande per la tua panciona, non sai che gioia poter assistere a degli happy end in storie come la tua…vorrei davvero che per ogni donna che soffre per un bambino che non arriva ci fosse una pancia da qualche parte che sta attendendo il momento giusto per apparire…A voi tutto il mio amore!
Il premio e' il Liebster awards 4.0 e queste sono le regole:

Ø  Ringraziare il blog che ti ha nominato;
Ø  Rispondere alle 10 domande poste da chi ti ha nominato;
Ø  Nominare 10 blog;
Ø  Porre 10 domande agli autori dei blog nominati.

Questo è quello che penso, delle seguenti domande:

-Quali sono i tre aggettivi che ti descrivono meglio? Solare, dolce, svampita.
-Perché hai aperto un blog? Perché io amo più di ogni altra cosa scrivere, scrivo di qualsiasi cosa e in qualsiasi momento, ma negli anni tutti i miei quaderni sono sempre rimasti chiusi in un cassetto, poi ho deciso che era arrivato il momento di scrivere qualcosa per qualcuno…e perché non scrivere della cosa più importante della mia vita, i miei bimbi, con l’intento di scambiare idee ed esperienze con altre mamme come me? Ed eccomi qui…
-Meglio vivere di rimpianti o di rimorsi? Assolutamente rimorsi!
-L’amore è per sempre? Essendo una romanticona di no non lo dirò mai, mi piace pensare che l’amore è una strada con discese e salite, può durare per sempre solo con l’impegno di entrambi!
-Se avessi un solo desiderio da poter realizzare, cosa vorresti? La salute per la mia famiglia.
- Quale canzone sceglieresti come colonna sonora della tua vita? “ Quello che le donne non dicono” cantata da Fiorella Mannoia!!!!
-Quale personaggio storico, dei fumetti, di un libro, o famoso ti ha fatto dire: "questa sono io!"? Rose Dowson, la lei di Titanic, il film, potrei essere io….
-Sei un tipo tradizionalista o progressista? Progressista….il cambiamento è sempre una buona cosa, comunque, l’immobilità mi mette paura.
-Se potessi cambiare epoca (passata o futura), in quale ti sarebbe piaciuto nascere? Sinceramente in  quell’angolino alla Gatsby degli anni ’20 per l’energia che caratterizzò molti aspetti di quel periodo storico, sociale, artistico, industriale e culturale che non si manifestò mai più negli anni successivi.
-Qual è il tuo progetto più ambizioso? E’ stato creare questa famiglia e continuare a viverla giorno dopo giorno…

E ora alcuni blog che voglio premiare:

Le domande a cui dovete rispondere sono  le stesse a cui ho risposto io!

·         Quali sono i tre aggettivi che ti descrivono meglio?
·         Perché hai aperto un blog?
·         Meglio vivere di rimpianti o di rimorsi?
·         L’amore è per sempre?
·         Se avessi un solo desiderio da poter realizzare, cosa vorresti?
·         Quale canzone sceglieresti come colonna sonora della tua vita?
·         Quale personaggio storico, dei fumetti, di un libro o famoso ti ha fatto dire: Questo “Sono io!”?
·         Sei un tipo tradizionalista o progressista?
·         Se potessi cambiare epoca (passata o futura), in quale ti sarebbe piaciuto nascere?
·         Qual è il tuo progetto  più ambizioso?

martedì 5 maggio 2015

ABOUT PRICESSES INSIDE!

Diciamolo pure! E molto orgogliosamente! Tutte le donne  grandi a piccine, sono princesses inside!
Ad oggi non conosco bambine a cui non vengono occhioni a forma di cuore davanti una gonnellina di tulle, una magliettina con brillantini o un cerchietto con i fiorellini. E’ proprio così, perché anche io , quando ero incinta delle due mostre, oltre a pensare a quante cose carine avrei potuto fare  con le mie bambine, morivo anche dalla voglia di mettergli quei vestitini tutti così fuxia e tullosi(che, ci tengo a precisare, non sono quelli stile damigella dell’800…ma sono quelli da principessa!!!). E l’ ho fatto, sissignori, glieli ho messi, i vestitini con le paillettes, con i tulle, con i fiocchetti, i cerchietti con la corona sbrilluccicosa, le scarpine con le fragole disegnate….anche se per la maggior parte del tempo, abitando in montagna, portano tute e maglioni bucati e stivaletti da trekking (tutto strapazzato e sudicio ma inevitabilmente  fuxia!!!!!)
Ora che le mie mostriciattole stanno crescendo le principesse nascoste in loro stanno mutando stile…e stanno diventando più punk! Quindi, cappellini con visiera molto colorati e con tutti fiori incorniciate da borchiettine, stivali neri con strass e un teschio nel centro, vestitini con tulle e paillettes ma total black, anellini plastificati maculati in nero e celeste, stivaletti leopardati, ciubottino con la chiusura lampo a cuoricino blu elettrico… insomma, delle principesse moderne! Poi mi aggiungo io che con il mio lavoro, [ve l’ho detto che prima di diventare shiatzuka ero (e sono) estetista?] che ho smalto e trucchi a volontà….e secondo voi, sono riuscita a tenere lontano le mostre dal mio laboratorio? Ovviamente no! Forse ho qualche speranza di potercela fare con J3 in quanto topo masculo….ma comunque alla vista dello smalto lilla con i brillantini inizia a scalciare di brutto per toccarlo, quindi non prometto niente!
 Ed è  così che A1 ed E2 entrano nel mio laboratorio a far prove di smalti, brillantini, rossetti, matite (quelle dorate e argentate soprattutto!) stickers per unghie, da poco hanno scoperto la scatolina con le ciglia finte, ma quelle ancora sono off limits…. E sono li che si dipingono tutte per trasformarsi in principesse… tocco finale della mamma, una soffiata di brillantini OVUNQUE ed ecco che sono pronte a uscire….solo per ripresentarsi dopo 15 minuti con 6 amichette al seguito con tanto di bava alla bocca e occhi sognanti, che mi fissano e dicono “ possiamo anche noi per favore?”  Ed è cosi che a volte mi ritrovo a passare delle intere ore a truccare questa banda di mocciosette, scavezzacollo, pestifere, che magicamente uscendo da casa mia camminano in punta di piedi, fanno il giro del paese per farsi ammirare e rimirare, si crogiolano in frasi quale “ ma  come sei bella”, ondeggiano la mano in segno di saluto e dispensano inchini a destra e sinistra facendo finta di tenersi una gonna infinitamente lunga……

Io le guardo dalla finestra queste piccole donne e le adoro e mi mordo la lingua pensando che mi ero ripromessa di non far  credere le mie bimbe alla stronzata del principe azzurro, delle principesse, dell’happy end e delle fate madrine, per rendergli meno duro l’impatto con la realtà, crescendo, per non fargli nutrire troppe aspettative sugli uomini, perché in realtà Cenerentola in confronto ad una mamma non faceva un cazzo, che nessuno è bella come Biancaneve senza una buona dose di trucco, che nessuna Bestia si trasformerà mai in un Principe, che i capelli di Rapunzel non sono lunghezze a cui aspirare perché in realtà sono più pieni di un aspirapolvere, motivo per cui non fanno vedere quanto cacchio urla quando li lava e li asciuga!!!Che l’eleganza leggiadra di Pocahontas è ineguagliabile e che guarda caso tutte le storie finiscono proprio quando i piccioncini si mettono insieme, sul dopo hanno steso , giustamente, un velo pietoso, i bambini poi non li fa mai nessuno, nemmeno nei sequel !!!Però poi mi sono ricordata che si ha tutta la vita per rendersi conto di queste cose e che sognare un po’ non ha mai fatto male a nessuno, che sentirsi delle vere principesse non ha eguali e sognare di possedere dei poteri ultraterreni ti fa volare via lontano…e allora sorrido di nuovo, osservo le mie princesses e bastano veramente due brillantini e una gonna di pizzo per sentirsi felici a volte.. Mi giro, prendo in braccio J3 che naviga tra smaltini colorati….anche lui ha dei brillantini nei capelli, gli schiocco un bacio e penso che in fondo io un principino l’ho trovato!